Siete quiAmministrazione trasparente d.lgs. 33/2013 / Bilanci / Fabbisogni standard dei Comuni

Fabbisogni standard dei Comuni


I fabbisogni standard di cui al D.Lgs. 216/2010, che dà attuazione alla Legge Delega n. 42/2009 sul federalismo fiscale, segnano il punto di partenza di un processo di riforma che ha come obiettivo quello di erogare i trasferimenti perequativi agli enti locali in base ai fabbisogni standard necessari a garantire sull'intero territorio nazionale il finanziamento integrale dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali e delle funzioni fondamentali degli enti locali abbandonando il criterio della spesa storica.

È inoltre previsto che gli enti locali virtuosi possano trarre beneficio dalla propria efficienza, in quanto, fermo restando il rispetto degli obiettivi di servizio e di erogazione dei livelli essenziali delle prestazioni, la differenza positiva, eventualmente realizzata in ciascun anno finanziario, fra il fabbisogno standard e la spesa effettiva dell'ente locale sia acquisita dal bilancio dell'ente stesso. Il decreto ha affidato alla Società per gli studi di settore - SOSE S.p.a. il compito di predisporre le metodologie occorrenti all'individuazione dei fabbisogni standard e di determinarne i valori con tecniche statistiche che diano rilievo alle caratteristiche individuali dei singoli comuni e province.

Il medesimo Decreto Legislativo dispone che ciascun Comune e Provincia diano adeguata pubblicità sul proprio sito istituzionale del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di adozione della nota metodologica e del fabbisogno standard per ciascun Comune e Provincia, nonché attraverso le ulteriori forme di comunicazione del proprio bilancio.

Ad oggi sono state adottate le seguenti note metodologiche:

  • sulla Gazzetta Ufficiale n. 80 del 05/04/2013 - Suppl. Ordinario n. 26 - è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 21 dicembre 2012 "Adozione della nota metodologica e del fabbisogno standard per ciascun Comune e Provincia, relativi alle funzioni di polizia locale (Comuni), e alle funzioni nel campo dello sviluppo economico - servizi del mercato del lavoro (Province), ai sensi dell'art. 6 del decreto legislativo n. 216/2010";
  • sulla Gazzetta Ufficiale n. 240 del 15/10/2014 - Suppl. Ordinario n. 78 - è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 luglio 2014 "Adozione della nota metodologica e del fabbisogno standard per ciascun Comune e Provincia, relativi alle funzioni generali di amministrazione di gestione e controllo”.
 

 

AllegatoDimensione
Nota metodologica FC02U - funzioni di polizia locale (estratto Comuni PD/RO)330.16 KB
Nota metodologica FC01A - funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - servizi di gestione delle entrate tributarie e fiscali (estratto Comuni PD/RO)292.1 KB
Nota metodologica FC01B - funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - servizi di ufficio tecnico (estratto Comuni PD/RO) 279.01 KB
Nota metodologica FC01C - funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - servizi di anagrafe, stato civile, elettorale, leva e servizio statistico (estratto Comuni PD/RO)292.02 KB
Nota metodologica FC01D - funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - altri servizi generali (estratto Comuni PD/RO) 251.19 KB
Nota metodologica FC01A/B/C/D - funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - documento riepilogativo (estratto Comuni PD/RO)366.72 KB